Bene e Male: un confine illusorio?

bene e male

Bene e Male: un confine illusorio?

Sono sempre stato colpito da come molti individui possano agire in modo spesso brutale nei confronti dei propri simili. Mi riferisco, ad esempio, ai carnefici dei lager nazisti, ai massacri in Ruanda o a quello di Srebrenica durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina nel 1995. Cosa può aver determinato quei comportamenti? E’ soddisfacente la spiegazione che etichetta come criminali e “mostri”, gli esecutori? Insomma, c’è un netto confine tra bene e male oppure è molto più labile di quello che pensiamo? Per dare una possibile risposta a tali domande, farò riferimento ad alcuni risultati dell’indagine psicologica pur consapevole di non esaurire l’intero campo delle possibilità interpretative.